RIUNIONE NO PONTE

Nonostante non abbiano alcuna voce in capitolo, visto che la decisione sull’opera è del Governo nazionale e dell’Unione Europea, ieri sera gli unici noponte della città, circa duecento persone, si sono riuniti per ribadire il proprio no all’opera. Opera che, è bene ricordarlo, fino a oggi è stata bloccata da i grandi porti del Nord Europa e , in misura minore, da quelli di Genova e Trieste, che temono di perdere fette di mercato una volta che il ponte sullo Stretto sarà realizzato. Una riunione, almeno stando alle foto, poco apprezzata dai giovani, visto il gran numero di chiome argentee presenti in sala.