MESSINA VERSO CATANZARO TRA SQUALIFICHE E INFORTUNI