GIOVANNI AMANTE

“Nonostante la guerra continui inesorabilmente oggi abbiamo deciso di trascorrere la Pasqua ortodossa all’insegna della serenità e spensieratezza che va donata soprattutto ai tanti bambini che con la loro presenza hanno rallegrato questa giornata- ha dichiarato ai nostri microfoni padre Giovanni Amante, sacerdote Chiesa Ortodossa San Giacomo Maggiore di Messina- ma la necessità di aiuti continua, così come il bisogno di volontari disposti a donarci il loro tempo per la sistemazione e consegna dei beni”. Sentiamolo.